Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

I 9 SEGRETI per dirigere la tua associazione che nessuno ti dirà mai.

Cliccando su "Scarica la guida GRATIS" autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

13 luglio 2015

Posso aprire un bar nella mia Associazione?

Posso aprire un bar nella mia Associazione?

E’ una domanda che ci sentiamo fare spessissimo… ed ogni volta ci dobbiamo scontrare con mille leggende metropolitane.

Partiamo da un punto fermo. Ogni volta che si mette a disposizione qualcosa da bere o da mangiare ad altri, si fa “somministrazione di alimenti e bevande” (un caso particolarissimo, a parte, è quello dei distributori automatici che vedremo a parte in un altro post).

Non importa che lo facciate tutte le sere o una volta ogni tanto, che lo facciate a soci o a non soci, che li facciate sedere oppure debbano consumare fuori dalla vostra sede, che paghino o che sia tutto gratuito.

 

COSA SERVE PER POTERLO FARE:

1. Serve un “titolo autorizzativo”. Esatto, non basta averlo deciso in Consiglio Direttivo, oppure averlo scritto a Statuto. Serve l’equivalente di una “licenza”. La prima cosa da decidere se volete poterlo fare ai soli soci o anche ai non soci.

2. Serve che i locali, le vostre attrezzature, la vostra gestione operativa (stoccaggio, movimentazione, preparazione etc etc), le persone preposte rispettino le norme igienico sanitarie in vigore. Non si scherza in questo settore… non vorrete mica avvelenare qualcuno, vero?

 

IL TITOLO AUTORIZZATIVO

*Per somministrare ai soli soci: serve che la vostra Associazione sia affiliata ad una APS Nazionale (ricordiamo alle ASD che quasi tutti gli EPS lo sono) attraverso la quale potrete fare, al Comune dove avete la vostra sede in cui volete fare somministrazione, una Segnalazione Certificata di inizio attività (S.C.I.A.). Si tratta generalmente di attività ISTITUZIONALE totalmente esentasse.

NB1: le norme prevedono che se somministrate alimenti e bevande chi non è SOCIO non debba poter vedere che fate questa attività. Ciò significa che se avete delle vetrine dovrete coprirle e se avete un’area esterna va recintata impedendone la vista all’interno.

NB2: attenzione a non fare il giochetto di aprire un locale notturno sotto forma di finta Associazione, iscrivendo tutti la sera stessa in cui si presentano. Oltre a fare concorrenza sleale agli altri locali e ad evadere le tasse, rischiate questo.

 

*Per somministrare ai non soci: serve avere una vera e propria licenza da parte del Comune (che varia a seconda che sia stabile all’interno di una struttura o temporanea su area pubblica). Dovrete quindi chiedere all’Ufficio Commercio del vostro Comune e capire insieme a loro se è possibile avviare tale attività. Si tratta generalmente di attività COMMERCIALE che deve essere tassata (salvo che sia una somministrazione temporanea all’interno dei 2 eventi annuali di raccolta fondi) ma che può rientrare anche nel regime della 398/1991.

 

IL RISPETTO DELLE NORME IGIENICO SANITARIE

*Variano da Regione a Regione, da Comune a Comune (i Regolamenti di Igiene possono essere diversi da ASL a ASL…). Non solo, spesso lo stesso ispettore sanitario della stessa ASL ha una diversa interpretazione rispetto agli altri suoi colleghi. QUINDI: armatevi di Santa Pazienza e cercate un professionista locale che abbia già esperienza in questo settore.

I locali: devono essere a norma igienico sanitaria. Quindi, ad esempio, devono come minimo avere due bagni separati (uno per gli avventori ed uno per il personale che maneggia alimenti e bevande) ed un locale spogliatoio per il personale. Ma non potreste credere a quanti DETTAGLI bisogna tenere sotto controllo: dai pedali per avviare scarichi e rubinetti, alle scossaline a pavimento per evitare che lo sporco rimanga nello spigolo tra parete e pavimento, al soffiatore per asciugare le mani, al campanello di allarme, al bagno per i diversamente abili… insomma un mare di cosa che non potete sapere da soli (e che, appunto, variano da comune a comune).

Le attrezzature: frigo con termometri per il controllo e la registrazione periodica delle temperature, banconi in acciaio inox con bordi saldati e non accostati, piastrellature, cappe aspiranti, ripiani a più di 50cm di altezza dal pavimento… anche qui non si finisce mai di impararne di nuove. Ad esempio: lo sapevate che i taglieri devono essere diversi a seconda degli alimenti? Frutta, Verdura, Carne, Pesce e pane hanno bisogno di un tagliere ad hoc…

Il personale: a seconda delle lavorazioni possono servire buste per i capelli, soprascarpe, mascherine… o solo le mani e le unghie pulite. Una volta era obbligatorio l’attestato HACCP oggi non più ma sarebbe utile farlo fare lo stesso un corso ad hoc… le cose da fare sono tante e di sicuro male non fa!

I prodotti alimentari posti in vendita o somministrati: dovranno essere muniti di apposito cartellino degli ingredienti con evidenziati gli eventuali allergeni utilizzati, dovranno essere tenuti a non meno di 50cm da terra, conservati al pulito e nel rispetto del ciclo del freddo se richiesto… anche qui c’è una babele di norme da conoscere.

 

COSA SUCCEDE SE  NON SI FANNO LE COSE NEL MODO GIUSTO?

Dipende da cosa succede. Come minimo 8000 euro di multa se vi scoprono… leggete questo nostro post.

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori

 

84 risposte a “Posso aprire un bar nella mia Associazione?”

  1. Rispondi
    sebastiano

    Salve, sono il presidente di un asd con p. iva.
    1. vorremmo aprire un bar all'interno della struttura per dare maggiori servizi ai soci, con il regime 398 del 91 possiamo somministrare bevande anche agli esterni ad esempio i genitori che accompagnano i bambini della scuola calcio e tennis?
    2. se si cdobbiamo dotarci di un registratore di cassa?

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Soltanto se avete una licenza di somministrazione alimenti e bevande aperta al pubblico, come spiegato nel post.
      2. Si


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  2. Rispondi
    Daniela

    Essendo circolo con tutti i soci tesserati è obbligatorio avere due bagni . Considerando che siamo tutti soci. E hccp è obbligatorio insieme al piano autocontrollo. perché essendo venuta la USL mi anno fatto il verbale. grazie se mi potete dare queste informazioni. Comune di follonica

    • Rispondi
      TeamArtist

      Assolutamente si, hanno ragione loro.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  3. Rispondi
    Giorgia

    Buonasera, sono il presidente di un associazione culturale musicale.
    Grazie per il vostro lavoro, sto imparando tantissime cose che ahimè ignoravo.
    Vorrei portare in associazione qualche dolce preparato da me a casa, e offrirlo ai soci insieme ad un caffè preso dal distributore già presente in loco. Come mi devo comportare? Devo avere qualche certificazione? Ripeto che vorrei offrire, non sarebbe una vendita.
    Grazie, e buon lavoro.

    • Rispondi
      TeamArtist

      Leggi questo nostro post.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  4. Rispondi
    DANILO

    posso trattare i lavoratori del bar interno x soli soci con l'agevolazione dei 7.500 €?

    • Rispondi
      TeamArtist

      A mio parere, assolutamente no.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  5. Rispondi
    Andrea

    Buongiorno vorrei sapere se:
    1. è possibile che il nostro circolo Arci oltre ad avere una licenza per la somministrazione di alimenti e bevande per i soli soci tesserati, può avere, facendone richiesta in comune, una licenza di somministrazione alimenti e bevande anche ai non soci.
    2. Se è possibile come funziona fiscalmente?

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Certamente
      2. Dipende dal regime che adotterete e dall'incasso annuo. Sotto i 250mila euro potete adottare il regime 398.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  6. Rispondi
    Ivonne

    Salve ho letto il vs.articolo sui bar dei circoli e devo dissentire per esperienza su due cose:
    Le température dei frigo vanno lette e trascritte tutti i giorni e non saltuariamente, noi per questo abbiamo avuta una multa di ben 2.000 euro da parte dei NAS, che hanno visitato tutti i circoli nella mia zona,
    per avere rilevato le temperature due volte la settimana,poiché' non avevano trovato altro da dire hanno pensato bene di ripagarsi il viaggio da Livorno a Lucca.
    La seconda obiezione si riferisce alla visita della ASL la quale ci ha chiesto gli attestati HACCP,questo un paio di mesi fa.Fortunatamente era tutto a posto.

  7. Rispondi
    emanuele

    Abbiamo una ASD associata iscritta anche al registro come Associazione di Promozione Sociale...
    vi sono autorizzazioni diverse/agevolazioni rispetto ad una ASD ho letto qualcosa al riguardo ma solo in caso ad eventi occasionali

    • Rispondi
      TeamArtist

      Agevolazioni di che tipo? Per cosa?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  8. Rispondi
    Giangiacomo Del Pra

    Siamo una Asd ( circolo bridge), e abbiamo un bar dove lavora un socio.I profitti del bar come devono essere gestiti e tassati? E se invece chi conduce il bar è un esterno o un dipendente del circolo?
    Grazie per la risposta

    • Rispondi
      TeamArtist

      a chi è rivolto il bar?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  9. Rispondi
    luca

    buonasera, vorrei costituire una associazione culturale con sede legale presso la mia abitazione.
    Utilizzare come sede secondaria ed operativa un terreno agricolo privato, recintato, dove realizzare corsi e laboratori di pittura, di strumento, di recitazione, di giardinaggio, e tante altre attività creative ed artistiche da svolgere all'aperto, in pieno contatto con la natura, caratteristica fondante dell'associazione.
    1. Per realizzare tutto ciò, quali autorizzazioni sono richieste?

    Vorrei inoltre proporre dei corsi di cucina da campo all'aperto, non come quelli della protezione civile o militare, più sul tipo scout o da campeggio, insegnare praticamente come cucinare, quali alimenti e ricette preferire per una cucina all'aperto.

    2. Per realizzare i suddetti corsi, devo avere i requisiti professionali (corso SAB)?
    3. Presentare la SCIA di somministrazione di alimenti e bevande?

    4. oppure considerando che si tratta di corsi e non di somministrazione, quali autorizzazioni sono necessarie?
    grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Di per sè nessuna
      2. Non credo
      3. Legga questo nostro post
      4. Vedi 3


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  10. Rispondi
    Simona Schiano

    Buonasera gent.mi Giovanni e Damiano,
    i due eventi all'anno che durata massima hanno? voglio dire, un evento può durare una settimana, un mese, una intera stagione..?
    grazie!

    • Rispondi
      Giovanni Damiano Dalerba

      Direi non più di un weekend l'uno (magari a partire dal venerdì)...


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  11. Rispondi
    Riccardo

    no, solo per telefono. tra l'altro nei documenti del sito del comune c'è solo la scia per la somministrazione classica di ristoranti e affini. Non c'è una scia che inquadri la preparazione e somministrazione ai soli soci.

    • Rispondi
      TeamArtist

      Partiamo dal presupposto che quello che viene detto al telefono NON CONTA NULLA.
      I documenti che cerca dovrebbe trovarli sul sito della Regione, non su quello del Comune.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  12. Rispondi
    Riccardo

    Buongiorno, sono il presidente di un associazione culturale, vorremmo poter somministrare alimenti e bevande nonchè organizzare corsi di cucina esclusivamente per i soci già tesserati.
    Il comune ci ha detto che non occorre alcuna autorizzazione sanitaria purchè si somministri ai soli soci già in essere e non ad iscritti al momento. Non ci hanno chiesto nessuna comunicazione ma hanno detto che possiamo farlo tranquillamente.
    Non ci interessa somministrare ai non soci e pensavamo di affiliarci al C S I.
    cosa ne pensate?

    • Rispondi
      TeamArtist

      Il comune ve lo ha messo per iscritto?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  13. Rispondi
    francesco

    Salve scrivo per avere una risposta a un dubbio che mi è sorto le associazioni e i circoli non possono farsi pubblicità tranne che fatta in un certo modo come da Voi spiegato per non parlare per quanto concerne la somministrazione di alimenti e bevande per la quale è tassativo che addirittura non ci siano insegne o altro che lasci capire che all'interno della sede del circolo si mangi o si beva come se questo dovesse essere fatto nel modo più occulto possibile , ma allora quei circoli che si possono facilmente trovare in certi siti ( ne cito uno per tutti TRIPADVISOR ) dove vengono trattati come se fossero dei normali ristoranti e che per alcuni si può anche prenotare on line e solo in alcuni casi leggendo le recensioni si percepisce che è necessario essere soci per entrare , sono tutti fuorilegge ? io penso e spero di no , fatemi capire .

    • Rispondi
      TeamArtist

      Tripadvisor agisce senza autorizzazione del titolare dell'attività. Quindi non si può responsabilizzare l'Associazione per questa forma di pubblicità (spesso non richiesta, spessissimo non voluta).


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  14. Rispondi
    Paolo

    Buonasera
    Torno sull'argomento perchà non ho ben chiaro se con la sentenza della Commissione tributaria della Lombardia, che riporto in calce. cambia qualcosa in merito al:
    -Trattamento fiscale dei proventi da bar/ristorante all'interno della sede sociale -

    L.N.D. STRALCIO CIRCOLARE N 37 DEL 14 DICEMBRE 2015

    Si richiama l'attenzione delle società/associazioni di questa lega sulla sentenza n. 4284/2/15, con la quale la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia ha respinto il ricorso dell'Ufficio delle Entrate che, a seguito di processo verbale di constatazione redatto al termine di una verifica,aveva accertato una maggiore imposta IRES, IRAP e IVA a carico di un'associazione in regime di Legge 398/91, per non aver tenuto le scritture contabili in relazione ad una attività di natura
    commerciale (esercizio di bar/ristorante presente al proprio interno dove la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata a prezzi di mercato).
    L'associazione si era opposta all'accertamento invocando il legittimo godimento, in base alla Legge n. 398/91, del regime fiscale previsto dalla medesima Legge ai fini delle imposte sui redditi e IVA, e la Commissione Tributaria Provinciale avev
    a accolto la tesi dell'associazione.
    La Commissione Tributaria Regionale, cui si è appellato l'Ufficio delle Entrate, ha confermato la sentenza di 1° grado, rigettando l'appello dell'Ufficio, ritenendo, tra l'altro, che l'esercizio dell'attività commerciale posta in essere dall'associazione non pregiudica il possesso dei requisiti di legge che disciplinano l'attività organizzativa delle società sportive dilettantistiche e che la contestazione di inesistenza della contabilità risulta inconferente e priva di pregio in quanto l'associazione, per essere destinataria della Legge n. 398/91, non ha alcun obbligo di tenuta delle scritture contabili se non di quelle di prescritte dalla medesima Legge.
    Va premesso che l'attività in argomento svolta dalle associazioni sportive dilettantistiche è da considerarsi commerciale, come si desume dal combinato disposto dei commi 3,4 e 5, dell'art. 148, del TUIR, che al comma 5 prevede espressamente che non si considerano commerciali la somministrazione di alimenti e bevande effettuata presso le sedi in cui viene svolta l'attività istituzionale, da bar ed esercizi similari, soltanto per le associazioni di promozione sociale
    ricomprese tra gli enti di cui all'art. 3, comma 6, lett. e), della Legge 25 agosto 1991, n. 287, le cui finalità assistenziali siano riconosciute dal Ministero dell'interno.
    Ciò posto, si ritiene più che corretta la sentenza in argomento dal momento che nel regime della Legge n. 398 del 1991 vengono attratte tutte le attività commerciali esercitate dalle associazioni sportive che hanno optato per le medesima Legge, il cui reddito imponibile è determinato applicando ai proventi conseguiti nell'esercizio di attività commerciali, ivi comprese le sopravvenienze attive, il coefficiente di redditività del 3%, con esclusione di eventuali plusvalenze (vedasi l'art. 2, della Legge n. 398 e la Circolare 11 febbraio 1992, n,. 1 della Direzione Generale delle Imposte Dirette).
    Poiché la stessa Legge prevede, al comma 1 dello stesso art. 2, l'esonero dagli obblighi della tenuta delle scritture contabili ma soltanto l'obbligo di specifici adempimenti (tenuta del prospetto di cui al D.M. 11 febbraio 1997, numerazione e conservazione delle fatture emesse e di quelle d'acquisto) appare corretto il comportamento dell'associazione che, esercitando l'attività in
    argomento, ha riportato i proventi di detta attività nel prospetto di cui sopra assoggettandoli a tassazione forfettaria sia ai fini delle imposte sui
    redditi (IRES e IRAP) che ai fini IVA, cosi come
    previsto dalla ripetuta Legge n. 398.

    Saluti

    • Rispondi
      TeamArtist

      Scusa Paolo, e cosa dovrei capirci? Questa sentenza dà TORTO alla Agenzia delle Entrate... cosa vuoi sapere?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  15. Rispondi
    MARCOROSSI

    La ASD di cui faccio parte ha dato in gestione il Bar Ristorante posto all'interno dell'associazione e di sua proprietà (locali, attrezzature, arredi e stoviglie) ad una SNC con un contratto di comodato GRATUITO regolarmente registrato.
    Il gestore può somministrare bevande e pasti anche a NON Soci e NON tesserati, organizzare cene per persone esterne senza che nei confronti della ASD si configuri una qualche violazione di tipo fiscale?

    • Rispondi
      TeamArtist

      Dipende. Immagino che la snc avrà una propria licenza ed un proprio registratore di cassa, giusto? Nel senso: anche la gestione fiscale è a loro carico e non incassano a nome e per conto vostro.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

      • Rispondi
        MARCOROSSI

        Nella nostra ASD il Bar/Ristorante è gestito da una SNC cui concediamo con un comodato in uso gratuito le sale, la cucina, le stoviglie, gli arredi, le attrezzature e in più provvediamo al pagamento di tutte le spese di acqua, luce, gas, condizionamento, manutenzione ordinaria e straordinaria nonché la TARI.
        A fronte di tutte le spese da noi sostenute riceviamo un contributo FORFETARIO di circa 14.000 Euro + IVA al 22%. Questo contributo che incassiamo va dichiarato come attività commerciale oppure no? Una precisazione: noi usufruiamo della 398/91.
        Grazie per una risposta e saluti

        • Rispondi
          TeamArtist

          Si.


          Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
          - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  16. Rispondi
    Ketty

    Buongiorno,
    siamo una società sportiva dillettantistica di calcio a 5 (A.S.D.).
    All'interno della struttura dove pratichiamo questo sport con le nostre due squadre c'è lo spazio per un bar che però il comune nn ha mai voluto gestire.
    Ci ha chiesto se facendo noi i lavori vogliamo tenerlo in gestione gratuitamente.
    La nostra società è in fase di espansione con progetti anche inerenti i bambini, con scuole calcio e concentramenti.
    Volevo capire se è possibile aprirlo, che documenti bisogna fare e soprattutto siccome sarebbe gestito direttamente da noi gratuitamente e tutti i proventi verrebbero reinvestiti all'interno della società.
    E' fattibile?.

    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      Lo potete aprire, legga bene il post. Sarebbe rivolto solo ai soci?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  17. Rispondi
    Enrico

    Nei giorni in cui è chiuso il Bar che gestisce la somministrazione di alimenti e bevande all'interno della nostra ASD con regolare contratto di comodato registrato, i Soci usufruiscono di una macchina del caffè casalinga di proprietà della ASD utilizzando cialde distribuite dalla Segreteria. E' necessaria una qualche licenza e/o autorizzazione da parte del Comune o dell'ASL?

    Grazie per una risposta e complimenti per il blog!

    • Rispondi
      TeamArtist

      Salve, ha raggiunto il limite di 100 quesiti gratuiti per utente. Se vuole postare nuovi quesiti può avvalersi di una consulenza dedicata: http://www.teamartist.com/consulenza/


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  18. Rispondi
    Enrico

    La ASD di cui faccio parte ha dato in gestione il Bar Ristorante di sua proprietà (locali, attrezzature, arredi e stoviglie) ad una SNC con un contratto di comodato GRATUITO regolarmente registrato.
    Il gestore può somministrare bevande e pasti anche a NON Soci e NON tesserati, organizzare cene per persone esterne senza che nei confronti della ASD si configuri una qualche violazione di tipo fiscale?
    Grazie per una risposta e saluti

    • Rispondi
      TeamArtist

      Salve, ha raggiunto il limite di 100 quesiti gratuiti per utente. Se vuole postare nuovi quesiti può avvalersi di una consulenza dedicata: http://www.teamartist.com/consulenza/


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  19. Rispondi
    Ivonne

    Salve,avrei un quesito da porVi: volendo dare in gestione il bar del circolo quali adempimenti comporta ? Grazie per la risposta,Ivonne-

    • Rispondi
      TeamArtist

      Chi lo da in gestione? A chi? A chi è rivolto il suo utilizzo?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  20. Rispondi
    Massimo

    Sono il presidente di una A.S.D. senza partita iva: all'interno della mia palestra si trova un piccolo distributore di bevande - messo proprio in un angolo - dal quale SOLO I SOCI possono prendere le bottiglie dopo aver inserito le monete. E' una situazione regolare e posso andare avanti così oppure manca qualcosa, come ad esempio qualche autorizzazione comunale o certificazione da qualche ente? Vi ringrazio anticipatamente

    • Rispondi
      TeamArtist

      Avete una licenza di somministrazione alimenti e bevande?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

      • Rispondi
        Massimo

        No. Mi sembra di capire che è il caso di farla. Potrei sapere quale è la procedura per averla? Ed eventualmente quando la avrò, potrò avere un distributore per conto mio?
        Grazie

        • Rispondi
          TeamArtist

          Il suo EPS dovrebbe saperla aiutare nel dettaglio (spero!) anche perchè sono indispensabili nella richiesta di SCIA. Provi attraverso di loro e ci faccia sapere come è andata.


          Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
          - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  21. Rispondi
    milena giordani

    io mi chiedo sempre se sia regolare che i gestori di rifugi o canili o gli accalappiatori di animali che risultano volontari di associazioni, fanno appalti con i comuni, con prezzi importanti. Si dichiarano volontari , usano gratuitamente i volontari in aiuto. Di fatto questi gestori o presidenti vi lavorano a tempo pieno pertanto non possono fare nessun mestiere, eppure ci vivono benissimo. Con che voce prelevano??? Grazie Milena Giordani 3334141174

    • Rispondi
      TeamArtist

      Tenga conto che è possibile stipulare dei contratti di lavoro a tutti gli effetti con i "volontari" che in realtà così volontari non sono.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  22. Rispondi
    giovanni

    L'associazione ha appena compiuto un anno di attività,come presidente sto accarezzando l'idea di aprire una tisaneria letteraria, i soci saranno gli unici fruitori di questo spazio. Sottolineo che essendo un'associazione che contrasta le dipendenze da alcol, droghe,etc,non verranno somministrati alcolici e saranno proposte tisane e somministrati alimenti di natura biologica.
    Quale documentazione bisogna produrre. Grazie infinite

    • Rispondi
      TeamArtist

      serve che la vostra Associazione sia affiliata ad una APS Nazionale (ricordiamo alle ASD che quasi tutti gli EPS lo sono) attraverso la quale potrete fare, al Comune dove avete la vostra sede in cui volete fare somministrazione, una Segnalazione Certificata di inizio attività (S.C.I.A.). Si tratta generalmente di attività ISTITUZIONALE totalmente esentasse.
      I non soci non potranno assolutamente vedere questo tipo di attività (no pubblicità). Servono anche die permessi per quanto riguarda le norme igienico sanitarie.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  23. Rispondi
    Andrea Dini Presidente Golf Alpe della Luna

    La nostra situazione:
    Quota annuale associativa: 10,00 euro (minori: 5,00 euro)
    Soci fondatori del Golf: 5.000,00 euro una tantum (non pagano più per l'attività del Golf, nè loro, nè i loro familiari)
    Soci fondatori della Piscina: 2.500,00 euro una tantum (non pagano più per l'attività della piscina, nè loro, nè i loro familiari)
    Soci fondatori di Golf e piscina: 5.750,00 euro una tantum (non pagano più per l'attività del Golf e della piscina, nè loro, nè i l
    Soci annuali del Golf: 375,00 euro + 75,00 di Tessera FIG
    Soci annuali minori del Golf: 20,00 euro di Tessera FIG
    Soci annuali della piscina: 100,00 euro

    Come facciamo a compilare il libro soci?

    • Rispondi
      TeamArtist

      Queste quote non vanno bene. LA QUOTA ASSOCIATIVA è UGUALE PER TUTTI


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  24. Rispondi
    ALESSANDRO

    1. Per installare un distributore automatico di bevande nella nostra sede che documenti occorrono?
    2. Inoltre la percentuale ricavata sulle vendite credo che rientri nella fattispecie di attività commerciale e come tale va tassata?
    3. Se è vero quanto sopra, visto che la nostra asd ha solo C.F., sarebbe possibile farci dare dalla ditta distributrice il nostro ricavato sotto forma di attrezzatura sportiva evitando quindi di prendere materialmente i soldi?

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Dipende. Di vostra proprietà o in affitto?
      2. Dipende
      3. Assolutamente no.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

      • Rispondi
        alessandro

        Grazie mille per la risposta anche se credo di essermi espresso male. Ci riprovo.
        Vogliamo fare installare da una ditta un distributore automatico di biibite all'interno della nostra sede. La ditte installatrice ci riconoscerà una percentuale di utile di 10 centesimi per ogni bibita venduta.
        1- Che documenti ci occorrono per installare il distributore?
        2- I soldi che la ditta ci darà come percentuale sulle vendite vanno tassati o possono essere contabilizzati come entrate istituzionali?
        Grazie mille per tutto l'aiuto che ci fornite.

        • Rispondi
          TeamArtist

          1. Voi non dovreste far nulla. Dovrebbe fare tutto la ditta installatrice
          2. Vanno tassati, si tratta di entrate commerciali


          Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
          - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

          • alessandro

            Grazie siete stati come al solito di grandissimo aiuto. Un'ultima domanda:
            Sarebbe possibile chiedere alla ditta distributrice di riconoscerci il nostro margine di guadagno donandoci dei palloni o altre attrezzature soportive?

          • TeamArtist

            Sì, purchè non appaia da nessuna parte il loro logo.


            Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
            - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
            - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
            - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
            (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  25. Rispondi
    Francesco

    Salve sono presidente di una associazione affiliata a ente nazionale con l'autorizzazione a somministrare alimenti e bevande ai soli soci a volte cediamo gli spazi dell'associazione ai soci per fare delle feste private per lo più compleanni fino ad ora il socio che festeggia ha provveduto a procurarsi tramite fornitori esterni ( catering ) il cibo e le bevande che poi ha offerto naturalmente gratuitamente ai propri ospiti che in parte possono anche non essere soci dell'associazione quindi come associazione abbiamo dato solo i locali e non abbiamo fornito nessun servizio , mi chiedevo se un socio viene da noi e ci dice " per il giorno del mio compleanno voglio acquistare al bar del circolo 10 panini,10 pizzette , e 10 lattine di aranciata visto che è un nostro socio gliele possiamo vendere anche se poi li offrirà ai suoi ospiti? alla fine noi non avremmo somministrato niente ai non soci ne preso denaro da loro , che differenza potrebbe fare se il socio per assurdo acquista questa merce e la mangia tutta lui o la offre ai suoi invitati?

    • Rispondi
      TeamArtist

      In questo caso non vi è differenza. Non si può controllare a chi viene somministrata la merce dopo l'acquisto, l'importante è che venga venduta al socio e che sia in linea con le norme igienico sanitarie


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  26. Rispondi
    Alessandro

    Grazie mille per la cortese risposta, ma se volessimo installare un distributore automatico per bevande e magari il nostro margine di guadagno farcelo corrispondere in merce come palloni, casacche ecc?

    • Rispondi
      TeamArtist

      In che senso? direi che è automatico che l'incasso della macchinetta verrebbe utilizzato oltre che per pagare la macchinetta e la merce, anche l'attrezzatura dell'associazione...è corretto?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  27. Rispondi
    Alessandro

    Squadra di ciclismo che vuole aprire sede per associati in cui somministrare bevande e spuntini anche a non soci può farlo?
    Variare l'atto costitutivo e fare scia al comune può bastare o deve assumere anche qualifica di circolo?

    • Rispondi
      TeamArtist

      No, dovete anche richiedere l'autorizzazione all'ASL.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  28. Rispondi
    alessandro

    Salve, volelvo sapere se era possibile vendere, solo ai soci, nella nostra sede delle bevande come acqua, the, ecc.
    Inoltre che documenti bisogna richiedere?
    Bisogna avere locali anorma, come doppio bagnio, spogliatoio, ecc?
    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      Deve fare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività al comune del territorio nel quale verrà aperto questo bar.
      Inoltre i "non soci" non dovranno vedere questo tipo di attività.

      Per quanto concerne rispetto ai permessi e alle norme sanitarie legga bene questo articolo, troverò scritto tutto.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  29. Rispondi
    Myriam

    associazione ancora da costituire e quindi mi informo bene prima di fare delle cavolate.
    Sono una delle socie fondatrici e vorrei sapere se una associazione può prendere in gestione una attività commerciale (come un ristorante/bar) e utilizzarlo per i suoi soci, anche e soprattutto per fare le riunioni e usarlo anche come luogo preposto a workshop e altre attività culturali e di intrattenimento. Verrà utilizzato anche per degli stage, visto che l'attività principale dell'Associazione sarà per l'appunto la promozione lavorativa dei suoi soci.
    Consideri che ci sono tre persone (me compresa) che hanno l'iscrizione al REC o hanno conseguito il diploma di scuola alberghiera, che penerebbero a gestirlo in modo corretto e seguendo le norme igieniche previste dalla legge.

    • Rispondi
      TeamArtist

      Lo può fare


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  30. Rispondi
    maria paola

    quando l'associazione organizza mercati, chiede l'occupazione del suolo pubblico e i permessii alla vendita al comune. alcuni espositori vendono trasformati ma non tutti hanno i permessi asl in regola.
    per ottenre i permessi, il presidente dichiara che tutti gli espostori sono in regola. in caso di controllo, quali sanzioni e di che tipo avrà il presidente e l'associazione e quali all'espositore?

    • Rispondi
      TeamArtist

      L'ammontare della sanzione dipende da vari fattori...
      Ad ogni modo ne risponde prima l'associazione e poi il presidente.
      Non ho invece ben capito come sono inquadrati gli espositori


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  31. Rispondi
    francesco

    salve,
    avevo scritto una domanda su un post di facebook ma non ho ricevuto risposta, chiedo scusa se vi scrivo di nuovo, ma evidentemente non ho capito la procedura.
    sono il presidente di una aps con somministrazione ai soli soci. vorremmo fare richiesta al comune per avere una licenza e somministrare anche ai non soci e fare una vera e propria attività commerciale con scontrini e tutto, per stare tranquilli.
    purtroppo, fatta qualche domanda in giro, ci siamo scontrati con la dilagante ignoranza degli impiegati comunali del nostro comune. abbiamo provato a fare qualche ricerca ma abbiamo sempre trovato risposte non specifiche al nostro caso o comunque non esaustive, quindi abbiamo pensato di chiedere a voi che sembrate i professionisti più informati di tutti!
    i nostri quesiti nascono tutti dalla situazione di accatastamento del locale in cui ha sede l'associazione, che nato come garage negli anni settanta e condonato come artigianale negli anni ottanta, sembra che non possa essere trasformato in commerciale neanche in minima porzione.
    ci chiediamo quindi:
    1- essendo il locale dell'associazione interamente accatasto come 'artigianale', potremmo ottenere tale licenza o c'è necessariamente bisogno di una porzione 'commerciale' all'interno?
    2- sarebbe possibile incaricare una ditta esterna per la somministrazione, con contratto di gestione, più o meno come si fa nei musei o negli uffici pubblici?
    grazie francesco

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Potreste ottenerla, ma poi bisogna vedere se siete vengono rispettate le norme igienico sanitarie.
      2. Sì.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  32. Rispondi
    Silvio

    Buongiorno,
    abbiamo appena avuto in gestione l'impianto sportivo del ns. paese dove è presente un bar.
    Abbiamo presentato scia, iscrizione REA, ufficio dogane e partita IVA. Il bar vende a soci e non soci, pertanto abbiamo deciso di scontrinare a tutti senza fare distinzione.
    1. Il personale addetto al bar può essere gestito da volontari con relativa dichiarazione che lo fanno a titolo gratuito?
    2. Se non sono volontari è possibile avere solo delle persone pagate con voucher?
    3. Il personale può essere costituito da persone del direttivo, non facendo la dichiarazione che prestano il loro servizio a titolo gratuito, visto che è già chiarito a statuto?

    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Direi di si
      2. Direi di si
      3. Si


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  33. Rispondi
    Davide

    in Calabria l'attestato HACCP è stato reintrodotto, io l'ho fatto l'anno scorso per la mia azienda e va rinnovato ogni due anni se non sbaglio, in pratica sostituisce i vecchio libretto sanitario.

  34. Rispondi
    Anita

    Buongiorno, faccio parte di un'APS. Nella sede della nostra associazione c'è una cucina (come una cucina di casa) e quando ci troviamo (TRA SOCI!) mettimao su un caffè, un the, può esserci qualcuno che porta una torta o dei biscotti (e può trattarsi sia di prodotti confezionati sia di prodotti fatti in casa). Tutto gratuitamente si intende, e solo per i soci, in un'ottica di convivialità, né più né meno rispetto a ricevere un'ospite a casa proria e offrirgli qualcosa da bere/mangiare. Da quello che leggo nel post e dalle risposte, anche questo nostro caso si configura come somministrazione di cibi e bevande e quindi sottoposta a autorizzazioni e quant'altro?

    • Rispondi
      TeamArtist

      No, non essendoci un pagamento, in questo caso non si configura come somministrazione (fiscalmente parlando)


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  35. Rispondi
    Giovanni

    Salve, vorrei sapere:
    1) e se invece un'Associazione organizza un esibizione in un locale pubblico, il bar può essere gestito dal privato che ha normalmente in gestione il bar?
    2) E' necessario far tesserare tutti i partecipanti?
    3) Sarebbe invece preferibile affittare il locale per evitare problemi?

    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      1) Sì.
      2) No.
      3) No.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  36. Rispondi
    maria paola

    Buongiorno, la spiegazione è stata chiara ma vorrei sapere ciò: noi organizziamo eventi in piazza e affittiamo degli spazi a stand che somministrano alimenti non preparati in piazza ma nei laboratori di chi somministra MA i permessi alla vendita vengono firmati dal presidente che dichiara, sotto la sua responsbilità, che chi somministra alimenti ha i laboratori in regola. in caso di controllo, se i permessi (dia igiene, permessi ASL ecc) non fossero in regola, cosa rischia l'associazione? nella SCIA si legge che in caso di dichiaranzione mendace ci sono sanzioni penali
    grazie
    maria paola

    • Rispondi
      TeamArtist

      Mi scusi, lei ha scritto "MA i permessi alla vendita vengono firmati dal presidente che dichiara, sotto la sua responsabilità, che chi somministra alimenti ha i laboratori in regola".
      Il Presidente NON PUO' firmare questi permessi, è il Comune che lo può fare


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  37. Rispondi
    lucag

    "Partiamo da un punto fermo. Ogni volta che si mette a disposizione qualcosa da bere o da mangiare ad altri, si fa “somministrazione di alimenti e bevande”"

    1. Come si deve interpretare "mettere a disposizione" ?
    2. E chi é il soggetto?
    3. Se un socio porta nei locali in cui si svolge la attività sociale una anguria e la tagliamo e mangiamo insieme stiamo "mettendo a disposizione" ?!.
    4. Se un socio mette a disposizione di altri soci qualcosa all' interno dei locali ne siamo responsabili come associazione?
    5. O una bottiglia di acqua o di vino o altro alimento. Fa differenza se confezionato o no?

    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. Dare la possibilità a qualcuno di bere o mangiare
      2. Chi dà questa possibilità
      3. State facendo "preparazione"
      4. Si
      5. Si, se confezionato è sola somministrazione


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  38. Rispondi
    massimo

    Salve, vorrei sapere se oltre ad affiliarci come asd ad una APS (per es. CSI) dobbiamo anche associare tutti i nostri associati all'APS o è sufficiente solamente l'asd? Tenga presente che a tutti noi facciamo compilare una richiesta di "ammissione a socio" per la nostra asd, pertanto tutti coloro che svolgono attività presso di noi sono nostri associati iscritti nel Libro soci. Grazie e buona giornata

    • Rispondi
      TeamArtist

      Legga questo nostro post


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

      • Rispondi
        Massimo

        Salve, ho letto il post e, se ho ben compreso, il bar può essere usufruito dai soci della asd e non dai tesserati ad una Federazione e/o APS a cui la asd è affiliata. Giusto?

        • Rispondi
          TeamArtist

          No, possono usufruirne tutti i tesserati della Federazione e/o APS


          Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
          - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
          (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)