Attendi...

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe

Per il nuovo GDPR Regolamento UE 2016/679 questa è una newsletter commerciale. Scopri di più.

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe
Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe

Per il nuovo GDPR Regolamento UE 2016/679 questa è una newsletter commerciale. Scopri di più.

11 Giugno 2015

Le due raccolte fondi Annuali che possono fare tutte le Associazioni

Giovanni Damiano Dalerba Scritto da Giovanni Damiano Dalerba
Commercialista Per Associazioni
Le due raccolte fondi Annuali che possono fare tutte le Associazioni

Le Associazioni col solo codice fiscale non possono fare attività commerciale“. Quante volte avete sentito questa frase? Tantissime immagino ma, per fortuna, è una FRASE in parte SBAGLIATA.

TUTTE le Associazioni infatti (con o senza partita iva), di qualsiasi natura (OdV, APS, ONLUS, ASD, No profit generiche etc etc) possono fare 2 eventi annuali di raccolta fondi, fino a 51.645,69 euro! Ne avevamo già parlato qui, ma ci pare utile semplificare il tutto.

Ciò è determinato dall’art. 2 del D.Lgs. 460/1997:  “i fondi pervenuti agli enti non commerciali a seguito di raccolte pubbliche non concorrono alla formazione del reddito  e, oltre ad essere esclusi da IVA, sono esenti da ogni altro tributo (es: imposta sugli intrattenimenti). Queste agevolazioni fiscali, tuttavia, sono riconosciute solo se le raccolte fondi sono:

  • pubbliche e svolte in modo occasionale;
  • concomitanti con celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione.

La Legge non specifica però quando le raccolte pubbliche possano essere considerate “occasionali” e quindi fruire delle suddette agevolazioni fiscali. L’unico riferimento potenzialmente applicabile è quello contenuto nell’art. 25, comma 1, della Legge 133/1999 (articolo che contiene disposizioni tributarie relative alle ASD in regime 398/1991): si stabilisce che, affinché le raccolte di fondi possano essere considerate escluse dal calcolo della base imponibile, è necessario che si verifichino entrambe le seguenti condizioni:

Il rispetto di tali condizioni consente a tutte le tipologie di associazioni di essere al riparo da eventuali contestazioni in caso di controlli fiscali.

Ma come devono essere registrate queste entrate nel Rendiconto Economico Annuale della Associazione?

Semplicemente sotto una apposita voce che avrete predisposto “Entrate da attività commerciali produttive marginali“.

Ricordiamo inoltre che, secondo l‘art. 8 del D.Lgs. 460/1997, “indipendentemente alla redazione del rendiconto annuale economico e finanziario, gli enti non commerciali che effettuano raccolte pubbliche di fondi devono redigere, entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, un apposito e separato rendiconto tenuto e conservato ai sensi dell’articolo 22, dal quale devono risultare, anche a mezzo di una relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, le entrate e le spese relative a ciascuna delle celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione indicate nell’articolo 108, comma 2-bis, lettera a), testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917″. Nel caso in cui, nel corso di uno stesso esercizio sociale, l’Associazione organizzi più raccolte di fondi, sarà necessario redigere specifici rendiconti separati (e relazioni illustrative) per ognuna di esse e riportare i risultati netti (incassi meno spese) degli eventi nel rendiconto economico annuale.

Cosa succede in caso di mancata tenuta del rendiconto previsto per ciascuna raccolta fondi?

Come chiarito dalla Circolare n. 9/E del 24 aprile 2013 dell’Agenzia delle Entrate, le agevolazioni fiscali non vengono perse a patto che, in sede di controllo, “sia comunque possibile fornire una documentazione idonea ad attestare la realizzazione dei proventi esclusi dal reddito imponibile”. Se, al contrario, non è possibile produrre alcun documento attestante l’operazione, i proventi della raccolta fondi, per i quali non si è provveduto alla redazione dell’apposito rendiconto, saranno soggetti a tassazione e concorreranno alla formazione del reddito imponibile applicando un coefficiente di redditività pari al 3 per cento (per le Associazioni in regime fiscale agevolato 398/1991); tali proventi saranno considerati commerciali e, se ciò comportasse il superamento del limite annuo di 250.000 euro, si avrebbe la decadenza dai benefici fiscali previsti dalla L. 398/1991 e l’applicazione del regime tributario ordinario sia con riferimento alla determinazione delle imposte che agli adempimenti contabili.

La mancata tenuta del rendiconto comporta inoltre l’applicabilità di una sanzione amministrativa da euro 1.032 ad euro 7.746.

Potete scaricare un fac-simile di rendiconto di raccolta fondi.

 

CHE TIPO DI EVENTI SI POSSONO ORGANIZZARE?

Tutto quello che vi viene in mente! Saggi di fine anno, concerti, feste, sagre (ovviamente rispettando tutte le regole sanitarie, di eventuali diritti SIAE connessi, delibere locali, messa a norma degli impianti e delle strutture eventualmente montate, etc etc).

 

CHE PEZZE GIUSTIFICATIVE SI RILASCIANO?

Non servono le ricevute generiche ma può essere utile usare dei biglietti madre-figlia numerati per poter tenere sotto controllo le entrate della cassa.

 

COSA SI PUò VENDERE?

Praticamente tutto! Magliette, salamelle, pesci rossi..

 

 

Damiano Dalerba & Stefano Cabot

Direttori area noprofit di TeamArtist

HAI ANCORA DEI DUBBI? Scrivici qui di seguito i tuoi QUESITI (facendo un ELENCO NUMERATO di tutte le tue domande) e ti risponderemo GRATUITAMENTE dandoti la precedenza SE (ci vogliono solo 30 secondi): 

1. avrai messo “MI PIACE” sulla nostra pagina Facebook:  https://www.facebook.com/TeamArtist.Italy

2. avrai portato il mouse sopra il pulsante “TI PIACE” e selezionato “AGGIUNGI ALLE  LISTE DEGLI INTERESSI”. Solo così continuerai a ricevere tutti i nostri aggiornamenti (senza far ciò non vedrai circa il 60% di ciò che pubblicheremo!)

3. ci avrai chiesto l’amiciziaClicca qui: https://www.facebook.com/Associazioninonprofit.

 

Controlla se la tua Associazione è nel RUNTS

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori

230 risposte a “Le due raccolte fondi Annuali che possono fare tutte le Associazioni”

  1. Rispondi
    antichi carlo

    avis informazioni su "suolo pubblico e pubblicità per feste di associazione di volontari onlus"

    Carlo Antichi
    01:40 (21 ore fa)
    a urp

    Buongiorno,
    vorrei , se possibile , sapere se quando
    chiediamo il suolo pubblico come Avis in occasione di una festa
    possiamo anche mettere lo striscione
    o manifesto con il nome dell'associazione all'interno del suolo pubblico richiesto
    in modo da poter identificare chi fa la festa.
    Questo è stato il nostro modo di operare da decenni .
    Ci dicono invece che con la richiesta di suolo pubblico
    possiamo mettere Gazebo tavoli sedie ma non possiamo
    mettere lo striscione o manifesto della nostra associazione
    poichè dobbiamo compilare un ulteriore documento
    chiamato " "
    in quanto il nome dell'associazione, viene considerato pubblicità.

    Domando, se chiediamo il suolo pubblico e normale che mettiamo
    il nostro striscione o manifesto, altrimenti non si capisce neppure chi
    è che fa la festa.

    Ritenere pubblicità la Scritta AVIS o Avis Diventa Donatore
    mi parte un po' azzardato, noi facciamo promozione alla donazione
    di sangue , ma prendiamolo per buono

    Visto che l'associazione che organizza la festa necessariamente dovra
    mettere il suo nome per dare un'identità alla festa non potrebbe essere
    inserita questa "dichiarazione di esposizione pubblicitaria" nel documento
    di richiesta di suolo pubblico.

    I volontari delle associazioni perdono piu tempo a riempire fogli che non
    per la durata della festa stessa. Sono 30 anni che faccio volontariato
    ma incrementando la burocrazia anziche ridurla svuotate il volontariato
    senza contare che ci è stato detto che il mancato riempimento di questo foglio
    "la dichiarazione di esposizione pubblicitaria" comporta
    una multa. Quindi inevitabilmente conviene stare a casa e quando manca il sangue
    faremo qualche trasfusione di fogli.

    Pertanto vi chiedo per favore se ci confermate la compilazione della dichiarazione di esposizione pubblicitaria per poter mettere lo striscione o il manifesto dell'associazione all'interno del suolo pubblico richiesto e se le cose stanno effettivamente così cercate almeno di inserire questa dichiarazione all'interno della richiesta del suolo pubblico visto che lo striscione o il manifesto è indispensabile per far capire chi è che organizza la festa.

    Inoltre sono stato all'ufficio preposto per chiede se l'associazione che ha fatto la festa 10 giorni prima di noi, aveva compilato questo documento "dichiarazione esposizione pubblicitaria"

    ci hanno risposto che non possono farci vedere la documentazione di altre associazioni

    Se non potete rispondermi voi ditemi a chi devo indirizzare la email. grazie

    Carlo Antichi

    • Rispondi
      Giovanni Damiano Dalerba

      Buongiorno Carlo.

      Concordo con lei che tale interpretazione da parte del vostro Comune sia troppo restrittiva. Considerare infatti uno striscione col logo dell'Associazione un "mezzo pubblicitario" pare davvero troppo anche a rigidi burocrati come noi. Come se donare il sangue sia la stessa cosa che vendere panini con la porchetta. Personalmente indirizzerei la vostra domanda al Sindaco del Comune proponendogli di porre un quesito all'ANCI relativamente a tale interpretazione.