Attendi...

Vuoi dormire sonni tranquilli, superare gli accertamenti…ed evitare le multe?

Cliccando su 'Scopri come evitare le multe' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Vuoi dormire sonni tranquilli, superare gli accertamenti ed evitare le multe?
Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

I 9 SEGRETI per dirigere la tua associazione che nessuno ti dirà mai.

Cliccando su "Scarica la guida GRATIS" autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

26 giugno 2012

I valori dello sport

I valori dello sport

E’ dal 1896 che, ogni quattro anni, i migliori atleti del mondo si riuniscono per competere in quasi tutte le discipline sportive praticate nei cinque continenti. Stiamo ovviamente parlando dei Giochi Olimpici, che quest’anno si svolgeranno, per la XXX edizione, a Londra dal 27 luglio al 12 agosto.

Le Olimpiadi nacquero dall’idea del pedagogista e storico francese Pierre de Coubertin di far rinascere gli antichi Giochi Olimpici che si svolgevano in Grecia presso la città di Olimpia, nei quali si confrontavano i migliori atleti greci. De Coubertin aveva una visione quasi “romantica” dello sport: desiderava che i giochi olimpici fossero una gara di forza e di abilità atletica, ma anche di bellezza e di cultura, com’erano i giochi antichi; sperava poi che questo tipo di evento sportivo celebrasse l’amicizia tra le nazioni del mondo, eliminasse ogni discriminazione di classe o di razza, promuovesse un’etica di lealtà.

Gli ideali del barone francese sono tuttora accettati come base dell’attività sportiva, a tutti i livelli e in tutti i paesi. Il Comitato Olimpico Internazionale, noto anche come CIO (dalle iniziali del nome originale francese Comité International Olympique) e fondato dallo stesso Pierre de Coubertin nel 1894, esprime in un apposito codice quale debba essere lo spirito del vero sportivo, atleta o spettatore che sia:

“Sarai un vero sportivo se:

Come atleta:

  • pratichi lo sport per passione;
  • lo pratichi disinteressatamente;
  • segui i consigli di coloro che hanno esperienza;
  • accetti senza obiezioni le decisioni della giuria e dell’arbitro;
  • vinci senza presunzione e perdi senza amarezza;
  • preferisci perdere piuttosto che vincere con mezzi sleali;
  • anche fuori dello stadio ed in qualunque azione della tua vita ti comporti con spirito sportivo e con lealtà.

Come spettatore:

  • applaudi il vincitore, ma incoraggi il perdente;
  • poni da parte ogni pregiudizio sociale o nazionale;
  • rispetti la decisione della giuria e dell’arbitro anche se tu non la condividi;
  • sai trarre utili lezioni dalla vittoria e dalla sconfitta;
  • ti comporti in maniera dignitosa durante una gara, anche se sta giocando la tua squadra;
  • agisci sempre ed in ogni occasione, tanto dentro quanto fuori dello stadio, con dignità e sentimento sportivi.”

 

Riportiamo anche la Carta del Fair Play (traducibile in “Carta del Gioco Corretto”), un decalogo dei valori dello Sport varato nel 1975 dal C.I.F.P. (Comitato Internazionale Fair Play):

“Qualunque sia la mia funzione nello sport, anche quella di spettatore, mi impegno a:

  1. Fare di ogni incontro sportivo un momento di privilegio, una specie di festa, qualunque sia l’importanza della posta e la virilità della gara;

  2. Conformarmi alle regole e allo spirito dello sport praticato;

  3. Rispettare i miei avversari come me stesso;

  4. Accettare le decisioni dell’arbitro o dei giudici sportivi, sapendo che, come me, hanno diritto all’errore, ma che fanno di tutto per non commetterne;

  5. Evitare la cattiveria e le aggressioni con atti, parole o scritti;

  6. Non adoperare espedienti o inganni per ottenere un successo;

  7. Restare degno nella vittoria come nella sconfitta;

  8. Aiutare ognuno con la mia presenza, la mia esperienza e la mia comprensione;

  9. Portare aiuto ad ogni sportivo ferito o in difficoltà tali da mettere in pericolo la propria vita;

  10. Comportarmi da vero ambasciatore dello sport, aiutando a far rispettare intorno a me i principi suddetti.

Prendendo questo impegno, mi riconosco come un vero sportivo”

SE TI E’ INTERESSATO QUESTO ARTICOLO PROBABILMENTE TI INTERESSA ANCHE QUESTO.

 

Damiano Dalerba & Stefano Cabot

Direttori area noprofit di TeamArtist

 

HAI ANCORA DEI DUBBI? Scrivici qui di seguito i tuoi QUESITI (facendo un ELENCO NUMERATO di tutte le tue domande) e ti risponderemo GRATUITAMENTE dandoti la precedenza SE (ci vogliono solo 30 secondi): 

1. avrai messo “MI PIACE” sulla nostra pagina Facebook:  https://www.facebook.com/TeamArtist.Italy

2. avrai portato il mouse sopra il pulsante “TI PIACE” e selezionato “AGGIUNGI ALLE  LISTE DEGLI INTERESSI”. Solo così continuerai a ricevere tutti i nostri aggiornamenti (senza far ciò non vedrai circa il 60% di ciò che pubblicheremo!)

3. ci avrai chiesto l’amiciziaClicca qui: https://www.facebook.com/Associazioninonprofit.

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori