Attendi...

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe

Per il nuovo GDPR Regolamento UE 2016/679 questa è una newsletter commerciale. Scopri di più.

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe
Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

Scarica gratis la nostra NUOVA guida per evitare le multe

Per il nuovo GDPR Regolamento UE 2016/679 questa è una newsletter commerciale. Scopri di più.

24 Ottobre 2012

Registro IVA Minori per le Associazioni con contabilità 398/1991

Giovanni Damiano Dalerba Scritto da Giovanni Damiano Dalerba
Commercialista Per Associazioni
Registro IVA Minori per le Associazioni con contabilità 398/1991

Il regime fiscale agevolato per associazioni legge 398/91 – Cos’è e come accederviIn diverse occasioni abbiamo parlato del regime fiscale agevolato previsto dalla legge 398/1991. Oggi  vediamo come funziona una parte importante di tale regime, un compito delle Associazioni stesse, ovvero la compilazione del Registro IVA Minori imposto dal DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 dicembre 1999, n. 544 (obbligo poi ripreso e specificato anche dalla Circolare 9/E del 24 Aprile 2013 della Agenzia delle Entrate).

 

Cos’è il Registro IVA Minori?

Il Registro IVA Minori è uno degli adempimenti contabili che tutte le Associazione in situazione di regime fiscale 398/1991 sono tenuti a seguire. Si tratta di un registro fiscale non soggetto a vidimazione. Cosa significa? Significa che non è necessario che venga validato e autenticato da nessun ente di competenza.

Dunque che fare? Armarsi di pazienza e compilare mese per mese  le entrate commerciali per categoria di aliquota IVA (il 22% o il 10% o il 4% in base alla categoria commerciale), con l’obbligo di effettuare la compilazione entro il 15 del mese successivo a quello a cui si fa riferimento. Tale registro, istituito originariamente non per gli Enti non commerciali ma per contribuenti minimi, deve essere adattato da ogni Associazione riportando le voci di entrata che interessano.

Ogni tre mesi sarà necessario compilare la parte del registro relativa alla liquidazione dell’IVA.

L’IVA da versare è determinata applicando all’IVA a debito (cioè sull’IVA incassata) le seguenti detrazioni forfettarie:

  • – 50% sull’IVA incassata per i proventi commerciali generici come pubblicità, prestazioni di servizi, vendita di biglietti ecc. (quindi si versa il 50% dell’IVA incassata);
  • – 10% sull’IVA incassata per le prestazioni di sponsorizzazione (quindi si versa il 90% dell’IVA incassata);
  • – 1/3 sull’IVA incassata per le cessioni o concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica (quindi si versano i 2/3 dell’IVA incassata) .

Aggiornamento: dal 13 dicembre 2014 entra in vigore la percentuale unica di detrazione nella misura del 50% sia per le prestazioni di pubblicità che di sponsorizzazione per associazioni senza scopo di lucro, quelle sportive dilettantistiche, le pro-loco in regime 398! Leggi il nostro post.

Aggiornamento: dal 1° gennaio 2017 il limite delle operazioni annuali per le Associazioni in regime 398/1991 è stato innalzato da 250mila euro a 400mila! Leggi il nostro post.

L’associazione non può recuperare in modo analitico l’IVA sugli acquisti relativi al settore “commerciale”, in quanto inglobata nella detrazione forfetaria sopra indicata.

Ovviamente, pur non trattandosi di un registro che richiede vidimazione da parte di enti competenti, è necessario che segua un modello prestabilito; dunque, come procurarsene uno? Non ci sarà bisogno di fare nessuna coda tra uffici e sportelli, il registro è comodamente reperibile nelle cartolerie e nei negozi che trattano forniture per ufficio.

Quando va versata l’IVA?

L’imposta, calcolata con gli abbattimenti di cui sopra, dovrà essere versata, entro il giorno 16 del secondo mese successivo al trimestre di riferimento, mediante Modello F24 in via telematica dal conto corrente bancario intestato all’Associazione, senza maggiorazione di interessi. I codici di tributo IVA da indicare nel Modello F24 di versamento dell’imposta sono i seguenti:

6031 per l’IVA  del 1° trimestre,

6032 per  IVA del 2° trimestre,

6033 per l’IVA del 3° trimestre,

6034 per l’ IVA del 4° trimestre.

E’ prevista la possibilità di avvalersi della compensazione e si è esonerati dal versamento dell’acconto annuale IVA, oltre che dalla presentazione della dichiarazione IVA annuale.

 

Perché la compilazione del Registro IVA Minori è così importante?

Prima di tutto ricordiamoci che se per la nostra Associazione abbiamo scelto il regime fiscale della 398/1991, siamo in una situazione di “privilegio”: stiamo infatti usufruendo di un regime fiscale agevolato rispetto a tutte le altre imprese a carattere commerciale. Dunque, visto che il Registro IVA Minori è uno dei pochi obblighi di contabilità che ci viene imposto è bene rispettarlo, anche nell’ipotetica previsione di controlli fiscali o di una richiesta di visione del Registro stesso da parte della SIAE, l’organo al quale lo Stato ha riconosciuto un potere di vigilanza e controllo sulle attività delle Associazioni.

 

Cosa succede in caso di mancata tenuta del Registro IVA Minori?

Come chiarito dalla Circolare 9/E del 24 Aprile 2013 della Agenzia delle Entrate, il mancato rispetto dell’obbligo di tenuta del Registro IVA Minori non comporta la decadenza dai benefici fiscali previsti dalla L. 398/1991 purchè l’Associazione “sia in grado di fornire all’amministrazione finanziaria i riscontri contabili, quali fatture, ricevute,  scontrini fiscali ovvero altra documentazione utile ai fini della corretta determinazione del reddito e dell’IVA. Resta fermo che qualora la società/associazione sportiva dilettantistica non sia in grado di produrre alcuna documentazione idonea a provare la sussistenza dei requisiti sostanziali per l’applicazione delle disposizioni di cui alla legge n. 398 del 1991, la stessa decadrà dal predetto regime di favore”.

In ogni caso è prevista una sanzione amministrativa da euro 1.032 ad euro 7.746.

 

Dove trovo questo Registro Iva Minori?

Leggi questo nostro post dove troverai sia un modello in Excel che un modello in .pdf a seconda delle tue esigenze.

 

Controlla se la tua Associazione è nel RUNTS

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori

239 risposte a “Registro IVA Minori per le Associazioni con contabilità 398/1991”

  1. Rispondi
    francesco

    se una associazione in regime 398/91 emette fattura per spettacoli musicali con iva al 10%; deve pagarne la metà?
    oppure cio' non vale per tale aliquota? (essendo considerata una aliquota ridotta)

    • Rispondi
      TeamArtist

      Vale per tutte le aliquote


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  2. Rispondi
    teresa mazzitti

    buongiorno
    una informazione, quest'anno a febbraio ho versato 2 volte l'iva del 4 trimeste.
    posso in qualche modo recuperare l'iva versata in più, magari compensandola con l'iva che dovrei pagare per il 3 trimestre 2017?
    grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      dovreste chiedere direttamente all'agenzia delle entrate come fare per la compensazione


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  3. Rispondi
    Davide Bianchini

    Spett.le Team Artist,
    sono il presidente di una aps dotata di partita iva e con contabilità in regime 398/91. L'anno scorso ho dimenticato di effettuare la liquidazione dell'iva per due fatture emesse a giugno e luglio, per un importo complessivo da liquidare di euro 28,05.

    Vi chiedo gentilmente le seguenti due cose:
    1) quale codice tributo devo utilizzare nel modello F24 per il pagamento dell'IVA e quanto dovrei versare in più a causa del tardato pagamento?
    2) devo effettuare una dichiarazione IVA per via del tardato pagamento?

    Grazie in anticipo per la risposta,
    Davide Bianchini

    • Rispondi
      TeamArtist

      1. 6032 per il secondo trimestre, 6033 per il terzo. L'ammontare della mora dipende dal totale dell'Iva non versata e dai giorni di ritardo
      2. No, basta pagare l'Iva arretrata tramite ravvedimento operoso


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

      • Rispondi
        Davide Bianchini

        Perfetto, grazie mille per la risposta!
        Cordiali saluti
        Davide Bianchini

  4. Rispondi
    Raffaella

    Buongiorno, sono socia di una pro loco in regime 398. Per errore abbiamo versato un importo maggiore di IVA rispetto al dovuto. Come facciamo a recuperarla? Mi è stato suggerito di presentare una dichiarazione IVA e chiedere il rimborso del credito, è corretto?
    Grazie

    • Rispondi
      TeamArtist

      Si, questa è la modalità corretta.


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)

  5. Rispondi
    Michele

    Buongiorno,
    la mia Associazione (regime 398/91) sta organizzando un evento in cui un'azienda sponsor (dietro contratto di sponsorizzazione) offre un buffet pagando una ditta di catering.
    In che modo e a chi dobbiamo fatturare relativamente a questo sponsor?
    Grazie,

    Michele

    • Rispondi
      TeamArtist

      All'azienda. Per un importo pari al valore del catering di cui avete beneficiato).


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)