Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

I 9 SEGRETI per dirigere la tua associazione che nessuno ti dirà mai.

Cliccando su "Scarica la guida GRATIS" autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

22 giugno 2016

Associazione Sportiva non paga il conto dell’albergo per il Ritiro. Tutti assolti…

Associazione Sportiva non paga il conto dell’albergo per il Ritiro. Tutti assolti…

Vi voglio proporre  questo articolo che racconta la storia di un ritiro estivo di un’intera Squadra di Calcio di 15 giorni circa e di una albergatrice non pagata che ha visto un “affare” trasformarsi in un incubo.

Era l’estate del 2010 e i giocatori di una squadra della provincia di Venezia alloggiavano nell’hotel Valgioconda per il ritiro estivo. La titolare dell’hotel, Lea Pontil Scala, aveva chiesto un anticipo e poi a metà soggiorno il saldo. Ma non c’è stato verso, il suo committente non ha mai pagato: è così che Lea decise di portarlo a processo in tribunale a Belluno con l’accusa di insolvenza fraudolenta.

Oggi la notizia. Dopo 6 anni è arrivata la sentenza e tutti sono stati assolti… Ma è vera giustizia questa? Leggete la rabbia nelle parole della donna.

 

di Olivia Bonetti – da Il Gazzettino di Belluno

SAPPADA – «Questa non è giustizia». Non riesce a trattenere la rabbia Lea Pontil Scala, albergatrice 70enne proprietaria dell’hotel Valgioconda di Sappada.

Nel 2010, dopo il ritiro estivo di 15 giorni della squadra Portogruaro Summaga, il conto dell’albergo non venne saldato, anche perché la società in seguito fallì: 30mila euro non incassati dal Valgioconda, una cifra che ha pesato non poco sul bilancio della struttura.

Ieri mattina in tribunale a Belluno a 6 anni dal fatto la doccia fredda: l’imputato è stato assolto «perché il fatto non costituisce reato». Non si conoscono le motivazioni del giudice che ha emesso la sentenza, verranno depositate nelle prossime settimane. Ma la certezza è che l’albergatrice a 6 anni dal fatto non ha riscosso i 30mila euro dovuti, soldi sui quali lei aveva pagato Iva, tasse, interessi sullo scoperto in banca, fornitori e lo stipendio ai lavoratori.

«Praticamente – dice sconsolata Lea Pontil – sono rimasta con un pugno di mosche. Sono imbestialita. Tutti fanno quello che vogliono, rubano, non pagano ma cosa sta succedendo? A questo punto comincerò a comportarmi così anch’io. Non riesco a capire questa giustizia – prosegue – già il fatto di fare il processo dopo 6 anni, ma ora anche la beffa. Io ho un contratto e i miei soldi li voglio. Ditemi voi cosa devo fare devo prendere un mitra?».

 

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori

 

4 risposte a “Associazione Sportiva non paga il conto dell’albergo per il Ritiro. Tutti assolti…”

  1. Rispondi
    marco gatti

    personalmente mi rivarrei sui patrimoni personali dei singoli amministratori della società fallita.
    meglio ancora se non era una associazione con personalità giuridica
    marco

    • Rispondi
      marco gatti

      allora? fatta la rivalsa sui patrimoni personali
      come è andata?

  2. Rispondi
    Corrado Rebottini

    Buonasera, sono presidente di una asd che pratica pallavolo.
    Vorrei chiedere quali responsabilità e obblighi ha la nostra associazione in quanto organizzatrice di un torneo di green volley quale evento per autofinanziamento: infortuni, certificati medici,...
    Grazie per l'attenzione.
    Saluti
    Corrado Rebottini

    • Rispondi
      TeamArtist

      Chiedete un certificato medico valido.
      Per gli infortuni, se non tesserate i giocatori a una federazione o EPS, stipulate un'assicurazione


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)