Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!

Scarica GRATIS la nostra guida per costituire una associazione

Cliccando su "Scarica la guida GRATIS" autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

22 ottobre 2015

Non Profit: scopri il fundraising, una professione tra magia e management!

Non Profit: scopri il fundraising, una professione tra magia e management!

Per chi non lo sapesse il “fundraiser” è il professionista non profit della raccolta fondi, delle partnership, del rapporto con le aziende e le fondazioni, delle strategie di funding. Un profilo complesso e ritagliato su misura per chi viene dal for profit in particolare dagli ambiti comunicazione, marketing e management in generale.

Ma in realtà non importa la provenienza, per fare fundraising bisogna creare magia!

Come tutti i maghi buoni che combattono contro il male perché il bene prevalga, i Maghi del Fundraising lavorano nel non profit: con i bambini in ospedale, nelle situazioni più gravi, dove ridere è di per sé una magia, dove la realtà può cambiare senza limiti e con essa la speranza. E dove gli aiutanti preferiti e vice-maghi sono proprio i deboli che vanno tutelati.

Sono la magia, la meraviglia, che cambiano il mondo, togliendolo al cinismo e ai numeri. E’ stata la foto di un bambino a far svoltare la percezione europea sui rifugiati, non il mare di statistiche in cui tutti affoghiamo disperati.

Trasformare le visioni del futuro in statistiche e strategie, i buoni propositi in donazioni, la disaffezione in partecipazione ed i “babbani” in maghi. Questo l’obiettivo ed ecco qualche consiglio su come fare:

Ottimizzare la conversione: le Organizzazioni dovrebbero iniziare a pensare a come convertire efficacemente i visitatori dei loro siti web in donatori anzichè semplicemente tentare di attirare nuove visite. Tutto ruota attorno a misurazione, verifica e ottimizzazione del flusso di donazione per ottenere maggiori fondi.

Coinvolgere i Millenials: affidandosi alle ricerche condotte in questi anni si stima che entro il 2025 circa il 75% della forza lavoro sarà composta da Millenials (i nati tra gli anni ottanta e i primi anni duemila nel mondo occidentale). Avendo un impiego i Millenials disporranno (finalmente!) di denaro da spendere permettendo così alle organizzazioni di trarre beneficio da questa generazione che da sempre si è dimostrata attenta ai problemi del mondo che stanno a cuore alle NPO ma che fino ad ora non aveva potuto contribuire per mancanza disponibilità economica.

Lealtà del donatore e Valore per la Vita: continuare a monitorare il coinvolgimento dei donatori sarà cruciale. Le organizzazioni spenderanno più risorse per studiare caratteristiche e comportamenti dei loro portatori di interesse per meglio comprendere quali motivazioni li possono spingere a donare di più in modo da personalizzare le loro politiche di comunicazione. Personalizzazione che incontrando meglio gli interessi dei singoli può garantire un rapporto di fedeltà più duraturo.

Online & Mobile: il web e gli smartphone hanno giocato un ruolo sempre crescente per le associazioni negli anni passati ed il trend continuerà anche in futuro. I Social giocheranno un ruolo chiave nell’“economia dell’attenzione” ed un design responsivo (che si vede anche da telefono) sarà cruciale per consentire ai sostenitori l’accesso alle piattaforme dell’organizzazione in ogni momento e da ogni dispositivo.

Lo Storytelling diventa visivo: Creare una storia e condividerla è sempre stato importante per un’organizzazione non profit per ingaggiare con successo donatori, ma farlo in modo che questa risulti visivamente impattante sta diventando essenziale. Le organizzazioni dovranno trovare strade innovative e creative per intrattenere i sostenitori in un mondo così pieno di distrazioni, e i componenti visivi sono la chiave. I post sul web connotati da un buon livello di raffinatezza grafica dimostrano di aver un engagement del 180% maggiore rispetto la media e ricerche confermano che le persone processano le immagini 60.000 volte più velocemente di un testo.

Ma quindi per diventare fundraiser bisogna essere dei maghi o dei manager?

E a questa domanda la risposta spetta a te, facci sapere se la tua associazione avrebbe più bisogno di creatività e fantasia o professionalità e misurabilita!

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori