Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!
Comincia la tua prova gratuita di 14 giorni.

Prova TeamArtist per 14 giorni GRATIS

Devi compilare questo campo
Email non vailda

Cliccando su 'Prova gratuita' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Hai già richiesto una demo con questa email!

Probabilmente stai cercando di entrare in una tua vecchia demo.

28 settembre 2015

Scopri i 2 trucchi per non far scappare dalla tua Associazione Sportiva i nuovi piccoli atleti

Scopri i 2 trucchi per non far scappare dalla tua Associazione Sportiva i nuovi piccoli atleti

Il “drop out” (termine inglese molto cool che indica l’abbandono dell’attività sportiva praticata) è sempre più diffuso.

LA SITUAZIONE:

Un dato spiega molto bene il tema: l’80% dei bambini fino ai 14 anni pratica almeno uno sport, ma proprio durante la fase di sviluppo più delicata questo esercito di mini atleti si riduce drasticamente. Con l’adolescenza metà di loro abbandona.

I MOTIVI:

L’agonismo esasperato fin da giovanissimi. Il risultato a tutti i costi. L’illusione impossibile di divenire dei campioni. Nuovi interessi. Genitori troppo esigenti e pressanti.

Un bambino sceglie di praticare uno sport soprattutto per il divertimento, la gioia di giocare, di fare parte di un gruppo, conoscere nuovi amici. Se i giovani non trovano tutto questo, lasciano.

DOVE SBAGLIAMO?

Spesso l’attività che proponi ai ragazzini non tiene conto di questa motivazione e costringi il bambino a giocare non tanto per se stesso, ma per le tue richieste (per lui totalmente incomprensibili!) del TUO mondo fatto a misura di adulto.

E’ stato ampiamente dimostrato che esasperare l’attività agonistica da piccoli è la strada sbagliata.

I GENITORI SONO LA CHIAVE!

I genitori, pur essendo assolutamente indispensabili nell’organizzazione pratica delle giornate dei propri figli, devono interferire il meno possibile, evitando di esercitare pressioni e di riversare su di loro troppe aspettative.

Due aspetti si devono discutere tenendo aperto il confronto e il dialogo:

  1. Da un lato mettere al corrente i genitori dei criteri e dei metodi con i quali la società vuole lavorare.

  2. Dall’altro mettere in chiaro quali atteggiamenti sono a loro richiesti all’interno del contesto sportivo: verso i bambini, l’allenatore, l’arbitro i dirigenti e così via…

Se invece pensi che quello passato coi genitori sia tutto tempo sprecato, beh allora non lamentarti se alla fine della stagione un gruppo di bambini se ne va, magari con l’allenatore, in un’altra società. È probabile che quest’ultima, l’allenatore, o entrambi, abbiano comunicato meglio di te con mamma e papà!

Facci sapere se sei d’accordo con questo sistema e se hai qualche suggerimento da dare!

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori