Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!
Comincia la tua prova gratuita di 14 giorni.

Prova TeamArtist per 14 giorni GRATIS

Devi compilare questo campo
Email non vailda

Cliccando su 'Prova gratuita' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Hai già richiesto una demo con questa email!

Probabilmente stai cercando di entrare in una tua vecchia demo.

28 febbraio 2014

Droga e ricatta il figlio nuotatore: patteggia 2 anni

Droga e ricatta il figlio nuotatore: patteggia 2 anni

Allucinante. Solo questo commento possiamo dare di questo articolo apparso sul Corriere del Veneto a firma di Milvana Citter. Eccone un estratto.

TREVISO – Vagoni di integratori al figlio 14enne per farne un campione di nuoto. E ancora parole dure e rimproveri se i risultati in piscina non arrivavano.

Per questi comportamenti, giudicati veri e propri maltrattamenti, il padre ambizioso è finito davanti al giudice e ha patteggiato una pena di due anni, con sospensione condizionale.

A denunciarlo era stata la moglie, stanca di vedere a quante pressioni il ragazzino fosse sottoposto per soddisfare le speranze di vittoria del padre. (…)

All’uomo viene infatti contestato di aver fatto assumere al figlio, sostanze iperproteiche e integratori inadatti ad un ragazzino di quell’età. Inoltre lo avrebbe obbligato ad allenarsi oltre ogni limite. Un’esasperazione della pratica sportiva che il 14enne subiva anche nella vita di tutti i giorni. Se infatti i risultati in piscina non arrivavano, il genitore avrebbe avuto con lui un atteggiamento serio ed arrabbiato, riservandogli parole di incoraggiamento e affetto solo quando vinceva.”

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori