Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!
Comincia la tua prova gratuita di 14 giorni.

Prova TeamArtist per 14 giorni GRATIS

Devi compilare questo campo
Email non vailda

Cliccando su 'Prova gratuita' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Hai già richiesto una demo con questa email!

Probabilmente stai cercando di entrare in una tua vecchia demo.

04 febbraio 2014

Il Coni denuncia la FIN-Federnuoto: “Irregolarità gravi nei bilanci”

Il Coni denuncia la FIN-Federnuoto: “Irregolarità gravi nei bilanci”

Ecco il comunicato stampa ufficiale del CONI:

Il CONI, nell’ambito delle sue funzioni di indirizzo e di controllo, ha avviato procedure di audit nei confronti delle Federazioni. A seguito di specifiche risultanze emerse dalle verifiche in corso presso la FIN, ha proceduto nel chiedere un parere legale pro veritate, finalizzato a ravvisare la possibile sussistenza di fatti penalmente rilevanti. Sulla base delle conclusioni, che configurano l’ipotesi concreta di fattispecie di reato, il Segretario Generale, quale atto dovuto, nella sua funzione di pubblico ufficiale, ha provveduto a trasmettere gli atti all’autorità competente.

Trovate qui maggiori informazioni.

Qui invece il Comunicato stampa della FIN: 

” La Federazione Italiana Nuoto manifesta sorpresa ed incredulità per il comunicato stampa diramato questa mattina dal CONI, che con sconcertante eclatanza configura pretestuose ipotesi di reato sostenute da un parere legale pro veritate di parte. In merito a tali ipotesi, del tutto lontane dalla verità, la Federazione Italiana Nuoto confida pienamente nella giustizia, condanna ogni ulteriore strumentalizzazione, e precisa che:

1) nel 2005 la Federazione Italiana Nuoto ha ricevuto un contributo dal Ministero dell’economia e delle finanze pari a € 2.100.000 che ha utilizzato per la copertura di costi coerenti con le finalità predisposte e, più precisamente, per impianti natatori dotati di piscina olimpica nel comune di Roma; 

2) nell’ambito delle opere poste in essere negli anni 2005-2012 la Federazione Italiana Nuoto ha superato di € 1.700.000 l’importo del contributo statale per le sole opere di manutenzione e implementazione, anticipando anche spese a carico del CONI per lavori di manutenzione straordinaria indispensabili a garantire il regolare funzionamento dell’impianto natatorio del Foro Italico;

3) il 9 aprile 2013 è stata sottoscritta una transazione tra CONI Servizi e Federazione Italiana Nuoto con cui CONI Servizi ha riconosciuto tra l’altro a FIN € 1.500.000 per i lavori svolti negli anni precedenti e regolarmente documentati nella piscina del Foro Italico data in gestione a FIN nel 2006. 

Pertanto la Federazione Italiana Nuoto ha ricevuto nel 2005 un contributo governativo che ha regolarmente investito; nel 2013 ha ricevuto un rimborso dalla CONI Servizi per spese anticipate. La Federazione Italiana Nuoto ha già dato mandato ai suoi legali per tutelarsi contro ogni già avvenuta o futura azione che ne leda l’immagine o ne metta in discussione, anche pretestuosamente, il corretto comportamento amministrativo.”

Quale sarà la verità?

Presto lo scopriremo!

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori