Attendi...

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Fissa subito una telefonata gratuita con noi per capire come possiamo aiutarti!

Cliccando su 'Invia' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Damiano Giovanni Dalerba -Consulente senior di TeamArtist
Difensore delle buone Associazioni indifese

Sei preoccupato per eventuali controlli fiscali nella tua Associazione?

Sei ancora in tempo per scoprire i problemi della tua Associazione?

Scrivi la tua email qui sotto:

Cliccando su 'Analizza gratis la tua associazione' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di TeamArtist su Facebook!
Comincia la tua prova gratuita di 14 giorni.

Prova TeamArtist per 14 giorni GRATIS

Devi compilare questo campo
Email non vailda

Cliccando su 'Prova gratuita' autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Hai già richiesto una demo con questa email!

Probabilmente stai cercando di entrare in una tua vecchia demo.

15 luglio 2013

Comprava case e pagava i suoi debiti con gli 800mila euro dati alla sua Onlus per i bambini maltrattati

Comprava case e pagava i suoi debiti con gli 800mila euro dati alla sua Onlus per i bambini maltrattati

Un’altra ondata di fango ricopre il volontariato lombardo (dopo il caso Anpas di qualche giorno fa).

Simile la cifra contestata (anche qui si parla di  800mila euro circa) ma molto diversa la dinamica. Partiamo dall’Associazione. Si tratta di una onlus-ente morale «Associazione nazionale per la tutela della fanciullezza e dell’adolescenza». Se volete potete visitare qui il loro sito internet.

Non quindi, come molti potevano immaginare, una di quelle Associazioni “invisibili” con pochi anni di vita, che poteva cercare di approfittare delle pieghe della legge per trarne dei vantaggi. Qui stiamo parlando di una Associazione antica e importante. Leggete come si descrivono: “L’Associazione, fondata a Milano nel 1898, è oggi un Ente Morale di diritto privato che opera in collaborazione con i Servizi Sociali, il Tribunale per i Minorenni e il Tribunale Ordinario. I suoi servizi includono quattro comunità educative per minori dai 3 ai 14 anni con situazioni familiari di grave difficoltà, un centro di aggregazione giovanile per i giovani della zona di età compresa tra gli 11 e i 18 anni e un centro diurno per minori, struttura a carattere semiresidenziale rivolta prioritariamente ai minori in carico ai Servizi Socio Assistenziali e Sanitari.

SE VOLETE POTETE ANCHE VEDERE IL VIDEO della GUARDIA DI FINANZA di LODI.

Ma cosa è successo? Lasciamo alle abili penne dei giornalisti del Corriere della Sera la descrizione del tutto:

L’ACCUSA – Certo che E. N., 60enne milanese, rischia di aver combinato un bel guaio. Perché è stato fino a quattro giorni fa il presidente della prestigiosa onlus, fondata a Milano da don Carlo San Martino, e oggi è accusato di aver sottratto dai conti dell’associazione 800 mila euro con i quali – stando alla ricostruzione del pm della Procura di Milano Angelo Renna e delle Fiamme gialle di Lodi – ha comprato due appartamenti poi trasformati in residence a Galatone, in provincia di Lecce.
I due immobili sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza nell’attesa che le indagini facciano chiarezza. Il loro valore è di 400 mila euro. Una parte dei soldi sottratti, infatti, è stata utilizzata per «coprire» i conti di alcune tasse non pagate. Perché tutto è iniziato cinque anni fa quando un contribuente ha denunciato alla Finanza di Lodi l’arrivo di diverse cartelle esattoriali dopo che aveva effettuato il pagamento delle imposte attraverso uno studio di consulenza tributaria di Melegnano (Milano). Studio che, tramite una società, faceva capo al sessantenne (denunciate anche due sue collaboratrici) e a una «sedicente» commercialista.

LA SEDICENTE COMMERCIALISTA – La donna è già finita nelle maglie della giustizia e il processo è arrivato al primo grado. Le indagini successive hanno chiarito che i soldi con i quali i clienti saldavano i tributi non finivano all’Erario ma sparivano in un complesso giro di conti correnti. Quando arrivavano le cartelle esattoriali – in una sorta di catena di Sant’Antonio – le sanzioni venivano pagate con soldi di nuovi clienti. Una volta arrivata la denuncia, le Fiamme gialle hanno approfondito i conti della società e scoperto che anche un assegno intestato alla «Fanciullezza» era stato girato a copertura dei tributi non pagati di altri clienti. Così sotto la lente sono finiti i rapporti bancari del sessantenne e gli inquirenti hanno scoperto l’acquisto delle due case «non certo a scopo benefico» – scrive il gip Maria Grazia Domanico – con i soldi dell’associazione di cui era presidente.

LA REAZIONE DI PALAZZO MARINO – La «Fanciullezza» – sede in via Nino Bixio a Porta Venezia – è stata sostenuta negli anni da consistenti donazioni di banche, imprese e di tanti benefattori facoltosi e anonimi. Soldi che dovevano servire per strappare bambini schiavi dalla strada. L’assessore comunale alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino ha annunciato che Palazzo Marino «interromperà eventuali rapporti con la onlus». «Abbiamo acquisito molta documentazione – hanno spiegato i legali del sessantenne, gli avvocati Marco Ventura e Fabio Venturini – nei prossimi giorni faremo valutazioni più precise».”

 

Damiano Dalerba & Stefano Cabot

Direttori area noprofit di TeamArtist

 

HAI ANCORA DEI DUBBI? Scrivici qui di seguito i tuoi QUESITI (facendo un ELENCO NUMERATO di tutte le tue domande) e ti risponderemo GRATUITAMENTE dandoti la precedenza SE (ci vogliono solo 30 secondi): 

1. avrai messo “MI PIACE” sulla nostra pagina Facebook:  https://www.facebook.com/TeamArtist.Italy

2. avrai portato il mouse sopra il pulsante “TI PIACE” e selezionato “AGGIUNGI ALLE  LISTE DEGLI INTERESSI”. Solo così continuerai a ricevere tutti i nostri aggiornamenti (senza far ciò non vedrai circa il 60% di ciò che pubblicheremo!)

3. ci avrai chiesto l’amiciziaClicca qui: https://www.facebook.com/Associazioninonprofit.

Qui sotto puoi inserire una domanda gratuita sugli argomenti di questo post.

Se vuoi invece una soluzione specifica ad un problema della tua Associazione richiedi una consulenza privata.

Scrivi la tua domanda GRATUITA qui

*: campi obbligatori

 

2 risposte a “Comprava case e pagava i suoi debiti con gli 800mila euro dati alla sua Onlus per i bambini maltrattati”

  1. Rispondi
    luisa ledda

    Buongiorno, sono la vicepresidente di un associazione culturale fondata nell'ottobre 2013, con la quale ho organizzato un mercatino natalizio dove ogni socio partecipante ha versato nelle casse dell'associazione euro 180, come quota per sostenere le spese. Pur avendo organizzato, non sono presente al mercatino, perchè impegnata in altro lavoro: per questo gli altri 2 membri del consiglio direttivo mi hanno richiesto tutta la documentazione dell'associazione, cassa compresa, che prima gestivo io, dicendomi che non essendo io sempre presente sul luogo della manifestazione era meglio e più pratico che loro tenessero il tutto.
    Ora, io ho dei dubbi su come loro abbiano speso i soldi e alla mia richiesta di poter visionare il tutto si sono rifiutate. Ho paura che abbiano fatto qualcosa di illegale o comunque poco chiaro per poter intascare parte delle quote versate dai soci e non so cosa fare.
    Come posso tutelarmi? Come mi devo comportare?
    Grazie mille per il lavoro che fate e per i chiarimenti indispensabili che ci date.

    • Rispondi
      TeamArtist

      Beh, non salterei a conclusioni affrettate. Che scuse hanno addotto per rifiutarsi?


      Il servizio di risposta ai quesiti è GRATUITO (solo per le Associazioni No Profit) ma prenditi questo IMPEGNO con noi:
      - Risposta entro 1h: invito a mettere mi piace ad altre 10 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 4h: invito a mettere mi piace ad altre 5 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      - Risposta entro 24h: invito a mettere mi piace ad altre 3 persone coinvolte in Associazioni sulla nostra pagina Facebook
      (il tutto va bene anche con Twitter: diventa nostro follower e ritwitta i nostri ultimi (10,5,3) tweet!)